#15 – Sciarpa – Lea Mazzei

di Lea Mazzei

D’inverno è facile. Siamo tutti bravi a camminare sprofondati nei cappotti, coi visi scivolati dentro sciarpe di lana morbida, più o meno voluminose, diversamente avvolte, spesso malinconicamente colorate. Per strada non ci si volta a guardare quanto è coperto chi ci passa accanto.
Il disagio è adesso: 40 gradi esterni, 18 interni in negozi, ristoranti, uffici: tutti passano con disinvoltura dall’estate per strada all’autunno del supermercato o del tavolino del bar. Io no. Io e la mia sciarpa no. Noi restiamo insieme. Cambia vestito anche lei: più leggera, più allegra e colorata, più morbida e disordinata ma sempre accoccolata attorno al collo, rassicurante quanto la coperta per Linus. E diventiamo extraterrestri in terra del sud, dove il sole brucia di più, il mare è il vicino di casa e coprirsi troppo è un pugno nell’occhio.
“Sono entrato in un negozio e ho chiesto qualcosa che assomigliasse ad una carezza”, mi ha detto una volta Qualcuno con un pacchettino in mano. Incartato con la carta assorbente gialla, quella che nei pub fa da tovaglietta ma che è troppo bella per non essere usata altrove, e tenuto insieme da un fiocco fatto con lo spago e molta dolcezza. Dentro c’era una pashmina, morbida, sottile, di un arancio così pieno che veniva voglia di berlo. Che bello, ho pensato, posso toccarla, questa carezza, e portarla con me dove voglio, quando voglio, anche se tu te ne scorderai, sarai lontano o non avrai più voglia di farmela.
Le mie sciarpe solo le carezze di quando cammino sola, di quando qualcuno mi manca in silenzio. E che importa se è ferragosto.

Lea Mazzei (1983) ha studiato giurisprudenza ma le sue passioni più grandi sono la letteratura e fotografia. Quest’ultima diventa di tanto in tanto un lavoro. Ama andare in moto e, dal Salento, tornare a Torino come si torna a Casa. Nel 2014 è stata vincitrice della prima edizione del concorso letterario nazionale “Il colore delle donne”, pubblicando nell’antologia A.A.V.V, Il colore delle donne, Ananke lab 2014.

 

cos’è #istantanee

Tutti gli articoli

Photo credit:
Marino Mannarini

  • Follow Clinamen on WordPress.com
  • Categorie

  • Archivi