#07 – Scatola

Erano anni che non riapriva la scatola. Aveva sciolto il fiocco di raso che la teneva chiusa e poi l’aveva rovesciata svuotandone il contenuto sul letto. Cartoline, lettere, biglietti d’auguri. Aveva deciso, in un pomeriggio di noia, che avrebbe tenuto soltanto i più importanti, per lasciare spazio. Per cosa, poi? Chissà, nella vita è sempre bene liberare un posto, pensava, presto o tardi qualcosa lo occuperà.
Aveva cominciato dai biglietti di compleanni, natali, pasque: aveva deciso che avrebbe tenuto solo quelli delle persone che ancora considerava importanti. Poi era passata alle lettere, ce n’erano molte che raccontavano il liceo, le amicizie, gli amori, i litigi. Ne aveva aperta una che non si aspettava di trovare. Chissà dov’era, adesso, E. Se lo ricordava, che avevano litigato? Lei stessa faticava a ripescare ogni dettaglio. Eppure, nel silenzio della stanza, aveva richiuso la lettera, l’aveva riposta nella scatola e aveva sentito gli occhi pizzicare di lacrime che fino a qualche istante prima non aveva mai pensato potessero scendere. Sapeva che arrivavano da quei giorni lontani, fino all’oggi, bagnavano il coraggio che spesso manca, ora, di scrivere parole come quelle, con se stessi dentro. Lacrime che dal foglio a quadretti di E., con i buchi ripiegato in quattro, facevano salti fino a tutte le parole che ogni giorno scrive e riceve, che della carta non hanno più bisogno, che sembrano più libere e invece sono ancora più costrette. Come si può dire, senza un foglio di carta, la verità? Per questo non diceva più niente. Le mancava l’illusione, adesso, che spedire significasse confessare.
Aveva buttato gli scarti nel cestino. Aveva chiuso la scatola, le aveva ridato il suo posto. È buffo come tra gli oggetti più importanti ci siano quelli che ne contengono altri. Come le lacrime, svelta se le era asciugata con il polso, che dalla calligrafia di E. erano andate più in là, contenendo tutto quello che aveva avuto un posto e quello che ancora non ce l’ha.

cos’è #istantanee

Tutti gli articoli

Photo credit (mod. b/w):
Lifefortock / Freepik

  • Follow Clinamen on WordPress.com
  • Categorie

  • Archivi