#06 – Radio

Chiudo la portiera e avvio il motore, premo sul tasto di accensione e qualche istante dopo la pubblicità di un centro commerciale invade l’abitacolo.
Non ascolto mai la radio, se non quando, per sbaglio, non ho altra possibilità migliore di coprire silenzi scomodi. Mi sono convinta negli anni che lei lo abbia capito, e perciò le rare volte che mi capita di accenderla mi fa ascoltare sempre quello che non voglio: musica noiosa, il giornale orario, l’info traffico, i messaggi promozionali. Tanti, troppi messaggi promozionali. E poi non c’è niente da fare, questa cosa che sono gli altri a scegliere cosa devo ascoltare proprio non mi va giù.

Io e la radio siamo figlie di due tempi diversi, ma è proprio lei, come oggetto, a parlarmi della tenera distanza tra me e mio padre. Lui, invece, la radio la ascolta sempre. Come si faceva una volta, ascolta ancora le partite di calcio, alla radio: mentre tutti si adeguano a Sky Sport, lui resiste, indossa le cuffie, si siede sul divano e ascolta. Immagina la partita, sopporta la pubblicità, accetta la musica che arriva quando la ascolta mentre lavora. Non oserebbe cambiare stazione ogni due minuti come faccio io, così come non oserebbe interrompere continuamente qualcuno che parla. Quando la accende e fa girare con il dito la rotellina per cercare la frequenza nel suono gracchiante, gli vedo una pazienza che non conosco, per errore la scambio per resilienza, ma quanto mi sbaglio, forse.

Sono le diciotto e due minuti, bentrovati al giornale orario…

Visto? Con sveltezza, clicco altri due tasti e avvio il lettore USB, lasciando che sia la musica da me selezionata ad accompagnarmi mentre guido. La mia libera scelta deve esprimersi attraverso i file mp3 nella mia autoradio: e lo penso sul serio, tanto vero quanto grottesco – se rileggo questa frase per quello che, è subito dopo averla scritta.

cos’è #istantanee

Tutti gli articoli

Photo credit (mod. b/w):
Zirconicusso / Freepik

  • Follow Clinamen on WordPress.com
  • Categorie

  • Archivi